Blog

18 marzo 2019

Un contesto familiare ansioso, confini troppo rigidi verso l'esterno, invischiamento tra i suoi membri, rappresentano un ostacolo per il buon esito dei processi di svincolo tra i componenti e per lo sviluppo di una sana autostima.

I minori - sottoposti continuamente al messaggio che il mondo esterno è pericoloso, che solo in casa si è al sicuro, che la famiglia è l'unico punto di riferimento - assumeranno quasi certamente tratti di insana dipendenza dai genitori e al contempo un vissuto di insicurezza, soprattutto a partire dalla fase adolescenziale.

Proteggere un figlio significa anche avere la capacità di infondergli sicurezza per poter procedere nel mondo autonomamente.

Amare un figlio significa imparare anche a lasciarlo andare