Blog

25 novembre 2019

Oggi a Roma ascoltiamo Shirin Ebadi (premio Nobel per la pace 2003) in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

Filo conduttore dell’incontro “Le donne, un filo che unisce mondi e culture diverse” dal progetto in collaborazione con l’Associazione nazionale Telefono Rosa onlus.

Una giornata ricca di spunti e riflessioni su diversità, fragilità, scuola, bullismo, cyberbullismo, violenza sulle donne, violazione dei diritti umani.

Rilevante la partecipazione di giornalisti e scrittori nell’evidenziare anche la forza della comunicazione come strumento positivo di “reazione” al rischio della sottovalutazione o addirittura del complice silenzio su fenomeni criminosi ormai in larga scala.

Così si afferma che “solo attraverso una capillare ed incessante campagna informativa possiamo infondere coraggio e forza ai giovani: dalla donna iraniana che non vede riconosciuti i propri diritti all’adolescente bullizzata, stuprata, uccisa… Solo così sarà possibile abbattere gli stereotipi di genere, la violenza domestica, la violenza verbale, la prepotenza, il femminicidio. Ruolo fondamentale assume la scuola, noi educatori portavoce di valori”.

Pertanto, in qualità di insegnanti dobbiamo uccidere il seme della violenza che nasce e cresce in un regime dittatoriale… ma che non è troppo lontano da noi. Dobbiamo aiutare i nostri ragazzi ad esprimere le proprie fragilità per trasformarle in capacità di scambio e dialogo, affinché nessuno si senta solo.

Tutto questo attraverso la testimonianza potente e drammatica di Shirin Ebadi, perseguitata con tutta la sua famiglia dal regime iraniano ed esule a Londra. Avvocato per i diritti umani ed autrice della biografia “Finché non saremo liberi”: una storia di coraggio e ribellione per la libertà del suo paese e del suo popolo, eredi di una storia millenaria nella “culla della civiltà”.

Ascoltare l’aspirazione democratica di una donna in pericolo significa difendere la nostra democrazia ferita dal troppo “sangue femminile” versato ogni giorno