Blog

15 marzo 2019

Crescita boom dei divorzi, ricorso a nuovi modelli di convivenza e rapido incremento dei single. È il quadro che emerge dal 52^ Rapporto del Censis sulla società italiana. In particolare, tra il 2007 e il 2017, le persone sole "non anziane" sono aumentate del 43,4% ad un totale di 4,3 milioni; le persone sole "non vedove" in incremento del 50,3% pari a oltre 5 milioni. "Segno di una trasformazione sociale legata all'individualismo, che fonda sulla scelta e la sensibilità del singolo, piuttosto che sull'adesione a una regola sociale, anche l'opzione per il matrimonio e il suo mantenimento nel tempo".

Aggiungiamo che questa cornice supera clamorosamente i confini individuati da Zygmunt Bauman nel suo "Amore liquido" in cui l'umanità è impaurita dalle relazioni stabili. Ora siamo oltre, siamo sempre meno disposti al confronto e al dono verso l'altro anche se per breve tempo.

Ormai impauriscono addirittura le relazioni superficiali e fugaci. L’individuo, quindi, oggi ha due possibili scelte:

  • la libertà intesa come nessun vincolo, opportunità di agire come e quando si vuole, nessuna necessità di misurarsi strettamente con esigenze altrui, nessuna necessità di incontrarsi con l’altro, ma anche tanta solitudine;
  • l’intimità in cui bisogna tollerare molte più frustrazioni, obiettivi da condividere (figli, realizzazioni, futuro, ecc.), comprensione e appoggio, meno vuoti da riempire e meno solitudine.

A noi la scelta......